“Abbiamo esposto i punti focali della nostra produzione, puntando molto sulle novità: devo dire che le vicende degli ultimi anni e la necessaria ristrutturazione ci hanno portato a una gestione e a una visione diversa, che non ha mancato di fare sentire i propri effetti anche sulla nostra capacità di fare innovazione”. Racconta così Stefano Tibè, direttore commerciale di Giardina Group, la strategia che ha portato alla definizione delle “Linee guida” della partecipazione a Ligna.

GLI ECCIMERI
Un cammino di idee e di innovazione che non si è mai interrotto e che ha visto Giardina Group protagonista fra i primissimi della tecnologia agli eccimeri con i tunnel di opacizzazione “Gst Zero Gloss”; un processo noto al mondo tecnologico nel quale il gruppo crede oramai da diversi anni.
“A Ligna abbiamo portato, innanzitutto, la nostra tecnologia agli eccimeri, nella quale abbiamo forse creduto più di altri, definendo dapprima una soluzione da laboratorio, installata presso molti dei più importanti produttori mondiali di vernici per mettere a punto i materiali vernicianti più adatti a questo processo, una tecnica che non è certamente nuova, ma che sta finalmente offrendo i risultati che molti cercavano, per poi arrivare a un forno industriale che abbiamo presentato in anteprima proprio ad Hannover. Abbiamo esposto due macchine a rullo – una per finiture con grammature fino a 5/7grammi e l’altra che potrà raggiungere i 20, 30 grammi al metro quadrato – e i pannelli così verniciati sono stati opacizzati con il nostro forno agli eccimeri “Gst Zero Gloss” e infine reticolati con la nostra, conosciutissima tecnologia “Gst Uv”. Abbiamo dimostrato, dunque, il risultato su finiture diverse per settori diversi, il parquet e il mobile.
A Ligna abbiamo proposto un’altra grande novità mondiale, una nuovissima soluzione di opacizzazione di superfici tridimensionali verniciate a spruzzo tramite la radiazioni UV agli eccimeri, una applicazione che incontrerà sicuramente l’interesse di un vastissimo pubblico e sarà la nostra sorpresa!”.
Giardina Group offre due soluzioni tecnologiche, un forno per applicazioni industriali e una versione da laboratorio.
Si possono ottenere finiture trasparenti o pigmentate e i prodotti vernicianti utilizzabili sono Uv con 100 per cento di solido e UV base solvente o acqua.

A Ligna è stato presentato anche “Softy”, un rullo molto morbido che – installato sulle macchine spalmatrici – ha dimostrato come sia possibile ottenere anche con le macchine a rullo i risultati fino a oggi riservati alle applicazioni a spruzzo, limitando le emissioni e con la massima efficienza di trasferimento. Il tutto con la collaborazione di alcuni grandi nomi della vernice – Adler Lacke, Heidelberg Coatings, Ica, Sherwin Williams, Sirca – che sono stati protagonisti dello “Show time”, il calendario di demo che ha visto ogni giorno queste aziende protagoniste dello stand Giardina Group.